Nuova edizione dei quaderni correografici

Alla fine di Gennaio 2011, a Bucarest, Romania, il libro “Quaderni Coreografici” scritto da Vivia Săndulescu e Cătălin Caracaş, vedrà la seconda edizione riveduta, corretta ed ampliata dagli autori stessi. Si tratta di un avvenimento unico nel quadro tersicoreo, in quanto dalla Romania, visti gli anni bui passati, poco si è saputo in generale, e nell’ambito della danza ancor meno; scopriamo invece un vasto repertorio che spazia dal balletto classico puro al balletto folcloristico trasformato comunque in balletto classico.

Molti i protagonisti della danza romena, gran parte conosciuti in Italia arrivati alla fine degli anni ’80, tra i più famosi citiamo Marinel Stefanescu , Ileana Iliescu, Magdalena Popa, Petre e Mihai Ciortea, Christian Crăciun,Gigi Gheorghe Căciuleanu, Marin Boieru, Gheorghe Iancu e tra le figure più recenti Corina Dumitrescu, Soimita Lupu. Alin Gheorghiu, Ovidiu Matei Iancu.

Nell’ambito della stessa manifestazione promulgata in Romania da Dana Cristescu ed in Italia da DART eventi che si svolgerà in due serate, una all’ ONB Opera Naţionala Bucureşti, il maggiore Teatro della Romania, e la seconda in via di definizione, sarà presentato per la prima volta in Romania il libro “Gheorghe Iancu Trent’anni di danza e le scene italiane”, scritto da Sabrina Maria Arpini e tradotto da Vivia Săndulescu, già presente in Italia nei bookshop dei teatri ed in vendita on-line sul sito www.gheorghe-iancu.com oppure sul sito delle Edizioni dell’Arco la casa Editrice che lo ha editato www.ediarco.it

La diffusione dell’Arte Tersicorea oltre ad essere lo scopo sociale principale della DART (Danza Riflesso D’Arte) è sicuramente un momento di aggregazione tra le culture ed è in tal senso che la DART eventi ha il piacere di collaborare con la Scuola Professione Danza e Balletto di Pavia diretta da Eleonora Burtulla, scuola di consolidata esperienza e di ottimo livello, che presenzierà nella persona della Direttrice al suddetto evento e che con la Romania effettuerà scambi culturali.

Bucarest: 29-30-31 Gennaio 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *